HomeFrasi e AforismiAforismi sulla vita, citazioni e frasi sullo scorrere del vivere

Aforismi sulla vita, citazioni e frasi sullo scorrere del vivere

Gli aforismi sulla vita sono perle di saggezza, le cui parole racchiudono grandi insegnamenti, ai quali l’uomo è sottoposto durante tutta la sua esistenza.
Sulla vita sono state scritte infinite pagine per descriverla e continuerà ad esserlo per sempre, perché la vita è un’unica fonte ma ha infiniti modi di esprimersi.
Filosofi, poeti, artisti, uomini di stato e molti altri hanno lasciato ai posteri la loro esperienza in frasi, testi e poesie, per facilitare nei momenti difficili e nella gioia il vivere la vita.
In questa sezione i più belli aforismi sulla vita di Marco Trevisan, il cui compito è di tradurre in frasi, pensieri e riflessioni lo snodarsi della vita nella sua totale meraviglia.
E’ compito dell’aforista descrivere ciò che sta dentro l’uomo in relazione con le sue azioni esterne e come l’uomo interpreta il mondo esterno al suo interno.
L’aforista non giudica, ma descrive la vita e il muoversi dell’uomo in quanto sono la materia della sua arte.
Per quanto la vita abbia infinite modalità di espressione, gli impulsi che smovono gli uomini ad esprimersi sono sempre gli stessi, ecco che gli aforismi descrivono in poche parole l’impulso comune a tutti gli uomini in azioni diverse.
Le citazioni sulla vita sono perle di saggezza, perché il loro contenuto può smuovere e aiutare gli esseri umani a trovare la chiave d’accesso per la loro felicità o per la soluzione di qualche problema.
Gli aforismi sulla vita sono come piccoli diamanti di conoscenza, che l’uomo scopre durante il corso della sua esistenza. Comprendendone il significato attraverso l’esperienza, questi  aforismi li può utilizzare come preziosi alleati per le sue battaglie presenti e future.

Buona lettura

AFORISMI E CITAZIONI SULLA VITA

Come la vita vitalizza la materia, l’amore vitalizza la vita.
(Marco Trevisan)

Davanti al bello della novità, spesso si è vittime dell’ingenuità.
(Marco Trevisan)

E’ inutile opporsi alla vita, accettare significa abbandonare le ragioni e il dolore in fondo all’anima, questo è il prezzo della saggezza.
(Marco Trevisan)

Il principio e la fine… nel mezzo la meraviglia della vita.
(Marco Trevisan)

La vita dell’uomo confinata nella nascita e nella morte sembra fine a se stessa, in realtà è al contempo mezzo e fine dell’uomo.
(Marco Trevisan)

L’uomo per esprimersi nel mondo dice penso, la donna per esprimersi nel mondo dice sento.
(Marco Trevisan)

Le difficoltà nella vita non sono esperienze da dimenticare, ma saggezza da custodire e applicare.
(Marco Trevisan)

La vita poggia su tre colonne portanti: la bellezza del nascere, la meraviglia del vivere e il mistero della morte.
La prima amplifica la scoperta del mondo, la seconda gode del sentirsi vivo e la terza rende gli uomini tutti uguali.
(Marco Trevisan)

Definire tutto ciò che si osserva e si vive, significa non comprenderlo.
(Marco Trevisan)

Gli incompresi sono lo sguardo dell’umanità che osserva la vita e il mondo al di fuori della consuetudine.
(Marco Trevisan)

Acquista gli aforismi in libro di Marco Trevisan

illusione di possedere la verità amazon
Se vuoi saperne di più sul libro clicca su questo link
https://www.libero-arbitrio.it/risorse/libri/illusione-possedere-verita-aforismi-libro/

Vivere non è una fatica ma una gioia unica e irripetibile nell’eternità.
(Marco Trevisan)

La scelta più importante della vita consiste nel comprendere fin da subito con chi trascorrerla.
(Marco Trevisan)

Se il destino prende forma attraverso le scelte, la fatalità incombe sull’uomo per mezzo di forze non controllabili, ma da lui inconsciamente invocate.
(Marco Trevisan)

Niente deve essere scontato, ma non deve pesare più di una piuma.
(Marco Trevisan)

C’è chi traina e chi insegue, l’importante è non rimanere immobili.
(Marco Trevisan)

Il bello della vita? Che si esprime come vuole nel suo totalitarismo, senza mai chiedere a nessuno “Scusa posso?”.
(Marco Trevisan)

Una vita priva di difficoltà rende l’uomo grasso, goffo e pigro.
(Marco Trevisan)

E’ la vita a comprendere sé stessa per mezzo dell’uomo.
(Marco Trevisan)

Il concetto umano di uguaglianza dovrebbe stranamente ispirarsi alla morte, poiché essa quando agisce non fa mai eccezioni.
(Marco Trevisan)

Ogni uomo è uno degli infiniti punti di vista della vita.
(Marco Trevisan)

Le persone con una doppia vita sono demoni che di giorno si vestono da santi.
(Marco Trevisan)

La fatica è energia spesa per il vivere, la fatica quindi non esiste, esiste la noia del vivere per chi non vuol far fatica.
(Marco Trevisan)

Quando in persone considerate amiche appare in loro, l’invidia e l’arroganza, state certi che l’amicizia per voi in quelle persone non ha mai dimorato.
(Marco Trevisan)

Considero la vita un’esperienza affascinante ma spinosa, ecco perché amo le rose.
(Marco Trevisan)

La vita non chiude mai le porte a nessuno, anche facendo sempre gli stessi errori, lei è sempre pronta ad offrire nuove occasioni di crescita.
(Marco Trevisan)

L’uomo giusto e capace cerca e chiede tutto alla vita, anche se ad un certo punto comprende che non tutto si può avere dalla vita, è in questo istante che conquista la serenità del vivere.
(Marco Trevisan)

Solo grandi uomini e grandi donne dedicano sforzi e tempo per la gioia del futuro altrui.
(Marco Trevisan)

Tentare per tutta una vita è l’unica via che non conosce la sconfitta.
(Marco Trevisan)

LAforista app link
Se vuoi saperne di più sull’app clicca su questo link
https://www.libero-arbitrio.it/risorse/laforista-app-frasi-immagini-condivisione/

Vivere bei momenti emozionanti della vita con la paura che finiscano, è come non averli mai vissuti, perché vissuti da finiti.
(Marco Trevisan)

Bisogna essere artefici della propria vita e non pedine della vita che altri hanno pensato per te.
(Marco Trevisan)

Stupitevi di voi stessi quando gioite e cogliete con consapevolezza i giorni infausti, in questo modo la disperazione non governerà neppure un giorno sulla vostra vita.
(Marco Trevisan)

L’espressione della vita è sorretta dagli istinti, i quali sono guidati ed espressi da forme diverse d’intelligenza.
(Marco Trevisan)

Un uomo nel corso della vita colleziona più fallimenti che successi, poiché i rari successi che ottiene sono la somma di tutti i suoi fallimenti.
(Marco Trevisan)

L’incapacità del vivere ha sempre paura del giudizio, poiché per sua natura e sopravvivenza occulta costantemente la verità.
(Marco Trevisan)

La furbizia attira l’onestà, la generosità attrae l’egoismo, il perdono la rabbia. Sembra vi siano strane leggi che fanno da contrappeso tra le azioni degli esseri umani e il loro volere.
(Marco Trevisan)

Un uomo inizia a morire in vita quando non si sa più divertire.
(Marco Trevisan)

Quando la vita si fa amara è facile preda della consolazione del vizio.
(Marco Trevisan)

La vita è fatta di alternative e chi non le coglie, soffre di inutili frustrazioni.
(Marco Trevisan)

Le persone che raccontano la storia della propria vita al primo incontro, lo fanno sempre in modo alterato, poiché tale racconto non contiene mai la verità, in quanto ha il compito di giustificarli davanti a verità scomode quando emergono.
(Marco Trevisan)

Non vi è nulla di più inutile di una vita senza esperienza.
(Marco Trevisan)

L’istinto di sopravvivenza tutela la vita biologica, in quanto essa è il mezzo dell’espresione della coscienza umana, ma quando la coscienza non può esprimersi, la vita diviene un mezzo senza fine.
(Marco Trevisan)

L’uomo passa tutta la vita alla ricerca di un solo punto… l’equilibrio.
(Marco Trevisan)

La parte più difficile da superare in qualsiasi difficoltà è l’attesa, poiché la mente è facile preda di dubbi e paure.
(Marco Trevisan)

Tutto accade… poi ne prendi coscienza.
(Marco Trevisan)

Solo il romanticismo mantiene in vita un realista.
(Marco Trevisan)

L’uomo è come un pendolo, che oscilla tutta la vita attorno all’unico punto che smuove la sua ricerca interiore ed esteriore, l’equilibrio.
(Marco Trevisan)

È inutile compiacere gli altri se questo comporta il perdere se stessi.
(Marco Trevisan)

L’innocente diviene saggio attraverso le cadute della vita, le quali non gli tolgono l’entusiasmo ma gli donano saggezza e autonomia.
(Marco Trevisan)

Per un guerriero il proprio corpo e la propria psiche sono campi d’azione, come lo è il mondo esterno.
(Marco Trevisan)

E’ pericoloso cambiare, per questo si preferisce chiedere scusa dei propri errori perpetrando negli stessi… per continuare a fingere di essere quello che non si é.
(Marco Trevisan)

L’emozione è un’imperfezione dell’equilibrio. L’emotività è un’alterazione dell’equilibrio.
(Marco Trevisan)

A volte bisogna provare sulla propria pelle certe esperienza per capire il valore pieno della vita, dell’amore e delle scelte fatte, altrimenti la vita rimane uno spot pubblicitario di parole al vento.
(Marco Trevisan)

E’ nel suono del silenzio che vengono impresse le emozioni più profonde della vita.
(Marco Trevisan)

Il menefreghista si nutre solo della superficie della vita, a differenza del sensibile, che nudo contro il vento affonda ogni grammo di sé in essa.
(Marco Trevisan)

Tua mamma ti vorrebbe in un modo, tuo padre in un altro, il tuo capoufficio ti vorrebbe diverso, persino la persona che ami per certi aspetti ti vorrebbe cambiare. Rimanere ciò che sei è la cosa più difficile, per questo essere te stesso è l’atto più coraggioso che puoi compiere durante la tua vita.
(Marco Trevisan)

Esprimere un’opinione è facile, ma prendere una decisione è assai difficile
(Marco Trevisan)

Non vi è cosa più patetica di chiedere scusa dei propri errori continuando a perpetrare negli stessi.
(Marco Trevisan)

Mettere la realtà dei fatti, davanti a persone care quando non sono pronte per vederla, da sempre il solito risultato… ti eliminano.
(Marco Trevisan)

Fare delle scelte nella propria vita con la paura di perdere sempre qualcosa, significa non voler conoscere il coraggio.
(Marco Trevisan)

L’avere tutto con facilità si sovrappone sempre con l’essere vuoti con facilità.
(Marco Trevisan)

Far finta di niente significa rimandare una battaglia persa.
(Marco Trevisan)

La gioventù è segnata sempre dal blocco del scegliere da che parte andare, se dove tira il vento o il proprio sentire.
(Marco Trevisan)

L’uomo quando è portatore di conflitti interiori trasporta continuamente nel presente il passato, per questo il suo futuro non cambia.
(Marco Trevisan)

L’uomo sogna il cambiamento, ma per sua natura è un dannato conservatore.
(Marco Trevisan)

Farsi carico dei problemi altrui per non risolvere i propri è nocivo per entrambi.
(Marco Trevisan)

Sacrificare parte della propria vita con amore per crescerne un’altra, in questo consiste essere padri e madri.
(Marco Trevisan)

Non esistono scelte sicure poiché l’uomo non può vedere oltre la scelta, può solo rivolgersi al suo cuore prima di farla.
(Marco Trevisan)

La meta è solo lo stimolo per l’inizio del viaggio, durante il quale non si sa mai cosa si trova.
(Marco Trevisan)

La storia si ripete, fino a quando l’uomo non acquisisce la coscienza per cambiarla.
(Marco Trevisan)

Le persone che affermano di volersene andare dal posto in cui vivono, vorrebbero solo trovare un posto nel quale non fingere, mostrando quello che sono.
(Marco Trevisan)

Ci sono persone vittime dell’entusiasmo della novità, infatti non sanno mai con chi sono veramente, l’importante è che oggi sia diverso da ieri.
(Marco Trevisan)

Le persone che amano sparlare delle sventure degli altri, devono imparare a dedicarsi del tempo.
(Marco Trevisan)

La semplicità è il limite degli uomini complessi, perfezionisti e profondi, ma mai semplicemente soddisfatti.
(Marco Trevisan)

La fragilità fa parte dell’essere umano ed è latente in lui, la quale risvegliata improvvisamente dal fato, cambia in modo permanente la sua vita.
(Marco Trevisan)

Il peso di una vita vissuta senza piacere rischia di schiacciare chiunque, per questo il piacere è l’unico antidoto contro la fatica.
(Marco Trevisan)

Il cambiamento si ottiene dissolvendo le resistenze che mantengono statiche le dinamiche della vita.
(Marco Trevisan)

Durante ogni attesa è fondamentale sapersi abbandonare alla piacevolezza della libertà che essa concede, poiché è inutile incatenarsi ad un avvenimento che deve ancora manifestarsi.
(Marco Trevisan)

I limiti si spostano nel tentativo di mantenere una promessa, mai nell’infrangerla.
(Marco Trevisan)

L’ironia è un forte antidoto contro le avversità.
(Marco Trevisan)

E’ strano come l’essere umano si lamenti di non avere tempo per sé quando adempie agli obblighi che la società gli impone e quando ha tempo invece, si inventa scuse per non fare quello che vorrebbe essere.
(Marco Trevisan)

Il bello di fare nuove conoscenze si mantiene eccitante, finché non appaiono i difetti.
(Marco Trevisan)

Tutto ciò che è dato per scontato è tale perché scarsamente conosciuto.
(Marco Trevisan)

L’unica cosa che un uomo possiede, forse è solo ciò che dona.
(Marco Trevisan)

Le doppie vite non permettono mai di godere di una vita vera.
(Marco Trevisan)

Aiutare gli altri, solo perché pagati, rende nel lungo periodo la vita vuota e infelice.
(Marco Trevisan)

I maestri di vita di ogni essere umano, sono sempre le persone che gli vogliono più bene e quelle che gli fanno più male.
(Marco Trevisan)

Porsi dei limiti significa negare l’esistenza di qualcosa senza averla mai cercata.
(Marco Trevisan)

Ogni obiettivo è una meta illusoria necessaria all’esperienza.
(Marco Trevisan)

Le difficoltà non sono una sfortuna, ma un allenamento al miglioramento.
(Marco Trevisan)

Dare un’opportunità è assai più difficile che toglierla, offrire un’opportunità è un vero atto di fede.
(Marco Trevisan)

Il termine grazie dovrebbe far parte della sacralità quotidiana, poiché trasformare la fatica di chi ha lavorato per noi in gioia.
(Marco Trevisan)

La vita per manifestarsi pone una resistenza costante contro la morte, per questo chi ha paura di faticare ha paura di vivere.
(Marco Trevisan)

Solo un uomo stupido è angosciato dall’unica certezza che la vita gli offre, ovvero la morte.
(Marco Trevisan)

E’ la morte a dare un valore inestimabile alla vita.
(Marco Trevisan)

La doppia vita è l’unica costante che rasserena certi individui, per questo nella loro vita, cambiano solo le persone utili a mostrare una vita pubblica moralmente accettabile.
(Marco Trevisan)

Tutti i bambini sono filosofi, poiché pongono inaspettate domande sul senso della vita senza paura delle risposte, mentre i grandi smettono di porsi domande, per non essere terrorizzati dalle risposte.
(Marco Trevisan)

Niente rimane per sempre, questa è la logica del cambiamento.
(Marco Trevisan)

L’albero della pace ha come radici l’amicizia e la tolleranza, e per parassiti l’odio e l’ignoranza.
(Marco Trevisan)

Non è detto che quando si ottiene ciò che si vuole, si trovi anche la felicità.
(Marco Trevisan)

La ricerca di troppe rassicurazioni conduce l’uomo ad essere preoccupato degli esiti futuri delle sue azioni, anestetizzando il bello del presente.
(Marco Trevisan)

La felicità non è un picco emotivo positivo ma un equilibrio, poiché la felicità sa di dover faticare e ama costruire, per questo non soffre di noia da routine.
(Marco Trevisan)

La felicità è godere di quel che si ha, mentre la tristezza appare quando l’illusione sovrasta la realtà.
(Marco Trevisan)

La vera giustizia non è vincolata alla legalità, poiché essa agisce al disopra dell’uomo, costringendolo durante la vita a riparare gli errori commessi.
(Marco Trevisan)

L’essere umano desidera sempre l’opposto di ciò che ha, questo perché non ne comprende il valore e per sentire un po’ di vita non gli resta che la novità.
(Marco Trevisan)

La memoria non va mai data per scontata, poiché quando accade si ripercorrono gli stessi errori.
(Marco Trevisan)

L’ottimismo è il salto della fede che si erge sulle difficoltà delle scelte fatte, ma non ancora rivelate.
(Marco Trevisan)

Il desiderio di una vita agiata induce molti individui a non vivere i propri sentimenti, vivendo nell’agio una vita da morti.
(Marco Trevisan)

Parlare sempre degli affari degli altri trovando soluzioni ai problemi come fossero i propri, è un pallido tentativo di sostituire la noia e l’anonimato della propria vita, con quella più eccitante degli altri.
(Marco Trevisan)

Il tempo vale di gran lunga più del denaro e a stabilirlo è l’unica certezza che l’uomo conosce in vita, la morte.
(Marco Trevisan)

Chi ama parlare dei propri problemi non vuole risolverli, per questo è un parlare inutile e malsano.
(Marco Trevisan)

Fare qualcosa per farlo sapere agli altri, ha poco valore per sé stessi.
(Marco Trevisan)

Rara è la logica quanto il sentimento, questo perché alla gran parte delle persone interessano le cose comuni e non il perché delle cose.
(Marco Trevisan)

Solo gli uomini che nel presente volgono lo sguardo per comprendere il futuro, saranno i primi nel presente di domani.
(Marco Trevisan)

Le capacità di un individuo emergono anche grazie al contesto, ma quando il contesto cambia, significa che è arrivato il momento di affinare la capacità dell’adattabilità.
(Marco Trevisan)

La diversità perde il suo scopo di arricchimento quando è vittima del giudizio.
(Marco Trevisan)

La fortuna si esprime virtuosa quando asseconda l’incontro con un uomo onesto.
(Marco Trevisan)

Persino la morte ritarda il suo intervento per dare la possibilità agli individui che hanno speso la loro vita da ben vestiti, con la pancia piena, ma con la testa affollata di ignoranza, di redimersi.
(Marco Trevisan)

Marco Trevisanhttps://www.libero-arbitrio.it/marco-trevisan/
L'autore di questo sito è Marco Trevisan, aforista e ricercatore della conoscenza interiore dell'uomo. Nato a Este in provincia di Padova nel 1983, sviluppa la sua sensibilità attraverso l'attività di musicista fino al 2012. Dopo aver cessato l'attività di musicista, nel 2013 crea il sito web Libero Arbitrio, dove il suo lato artistico trova espressione componendo aforismi e scrivendo articoli, nei quali imprime i suoi studi, le sue osservazioni sulla vita e sulla parte spirituale dell'uomo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli più letti

Aforismi e Citazioni