prostituzione svendita donna

Prostituzione deriva dal termine latino pro-stituere, pro (davanti) stiutere (stare), stare davanti in modo immobile.
La prostituzione tacita e occulta è comperata e consumata da persone che godono di buona reputazione e di ceto sociale medio altro, in grado attraverso la parola di raggirare in caso di dubbio il loro modo d’essere reale, poiché si vedrebbero giudicati dalla società, soprattutto per il fatto che spesso si fanno paladini e portatori di alti ideali e valori, nei quali hanno fuso la loro posizione sociale.

Dal lato femminile la prostituzione tacita e occulta viene offerta da donne con grande incapacità di amarsi e di prendersi cura di sé stesse.
Credono che la realizzazione della donna sia correlata al ceto sociale frequentato, mirando quindi ai ceti economicamente più abbienti, per ottenere assistenzialismo economico di un certo livello e vita facile.

Donne la cui dignità inizia e finisce nelle stanze degli alberghi, in cambio di una vacanza gratuita, di un posto di lavoro o di un regalo.
Uomini la cui tristezza e solitudine coniugale eguaglia il prezzo dei soldi spesi con queste donne.

Dinamiche della prostituzione tacita e occulta

La tacita prostituzione si basa sul baratto tra la svendita della sessualità della donna (dignità) e il presente di vario tipo da parte dell’uomo per controvalore.
Questo tipo di dinamica viene utilizzata per bypassare il meccanismo del compenso diretto, poiché svelerebbe ad entrambi la compravendita della dignità di sé stessi e il valore che essi si attribuiscono.

E’ triste constatare che la crisi economica e il fatto di sentirsi qualcuno perché si frequentano determinati ambienti abbiano aumentato a dismisura questo atteggiamento, soprattutto nella politica dove l’etica e la sobrietà dovrebbero essere i pilastri degli uomini che ne fanno parte.
Sono dinamiche e situazioni facilmente individuabili basta essere in società.
Il lettore potrebbe percepire tali situazioni distanti dalla propria quotidianità, in realtà se sa osservare con attenzione ciò che lo circonda, se ne può accorge con facilità e comprendere come queste situazioni sono a pochi passi da casa sua.

prostituzione donna soldiIl prezzo della dignità

Principalmente sono un abitué degli ambienti borghesi/politici e del mondo dell’immagine.
La prostituzione tacita viene spesso mascherata ad amici familiari e conoscenti con piccole o grandi bugie, spesso inverosimili, poiché la differenza d’età tra i due supera come minimo sempre i vent’anni ed è direttamente proporzionale con la differenza di reddito.
Lui di solito 50/60 enne sposato o meno, con soldi o posizione politica, lei molto più giovane in cerca di lavoro, evasione, esperienza e di vita possibilmente facile.

Gli incontri variano dalla capacità di mentire di entrambi, di solito per incontri cene e vacanze non si frequentano luoghi nel quale abitano ma si spostano o si trovano nella seconda casa di lui.
Se lei riesce in qualche modo a circuire lui, oltre a divenire una spesa costante e continua nella sue finanze, vorrebbe accaparrarsi il vitalizio, se è un politico aspirerà ad un posto pubblico, se è un imprenditore aspirerà ad un partecipazione dell’azienda o a comunque ad un contratto privilegiato. Naturalmente le capacità professionali di tali persone si confondono tra il grottesco e l’inettitudine.
Vacanze in alberghi stellati e con i migliori champagne o armagnac internazionali, questi momenti indelebili devono sempre essere immortalati ma soprattutto condivisi e raccontati, per creare l’invidia altrui e sentirsi migliori degli altri per il fatto che hanno accesso a beni e servizi materiali che altri non si possono permettere.
Leggi anche:Seduzione l’arte oscura di esercitare attrazione per dominare gli altri

Mostrare il proibito – essere invidiati

Lei pubblica foto sui social network nelle quali compaiono piscina, champagne, armagnac ma mai  chi sta dall’altra parte, sembra ceni sempre da sola,… Certo se la moglie o la compagna vede il marito con la 25 enne di turno potrebbe scattare il divorzio.

Lui fotografa lei e manda le foto su watsapp agli amici, raccontando il dopo cena e tutte le posizioni del kamasutra che ha sperimentato durante la notte.

Per non vedere l’orrore delle proprie azioni, l’uomo diviene muto e cieco con sé stesso ma fortunatamente gli altri esseri umani fanno da specchio alle sue azioni dandogli così la possibilità di cambiare per ritornare ad onorare stesso.

La prostituzione tacita e occulta viene praticata dalle persone più impensabili, dal vicino di casa, al sindaco del paese, all’imprenditore che fa beneficenza nel terzo mondo, al guru spirituale.
Il mondo delle perversioni e degli inganni sembra sempre essere solo nei film, in realtà è dietro casa, praticato dalle persone più impensabili.

Non è mia intenzione fare del moralismo e in questo articolo sarebbe troppo facile, quello che voglio sottolineare è che finché la dignità della donna sarà merce in svendita non potrà mai salvare l’uomo attraverso la sobrietà e la compassione.

Libri e approfondimenti

Le Radici della Prostituzione
La matrice di tutte le violenze è la violenza dell’uomo sulla donna
€ 12

Malati di Sesso
Convivere con l’ipersessualità
€ 9

Sesso Soldi Potere
€ 9

Articolo di Marco Trevisan

Contenuto non riproducibile previa autorizzazione dell’autore.

Se ti è piaciuto l’articolo sostieni libero-arbitrio.it con una libera donazione

Condividi

2 Commenti

  1. Non ti conosco, ma leggendo questo articolo, ho capito che non ti è sfuggito alcun particolare. Troppo spesso vedo ragazze troppo giovani che a 30 anni non sanno cucinare, pulire, stirare e tante altre cose perché nascono già in una famiglia ricca e poi cercano il riccone di turno per far fare a loro volta la vita che sognano…ma….prima o dopo capiscono che i soldi non sono tutto! Una triste realtà dalla quale derivano le scene di ragazze che fanno questo lavoro in mezzo alla strada. Comunque concludo, ottimo articolo che ho condiviso su facebook.

    • Grazie per il tuo commento, la dinamica è stata descritta proprio perchè la moralità della società tende a nasconderla. Vi è da dire anche che ognuno ha bisogno delle proprio esperienze per evolvere…
      Grazie,
      Marco T.

Comments are closed.