Il tuttologo racchiude la perfezione dell'ignoranza, poiché invece di ascoltare, comprendere e imparare deve sempre e solo dire la sua.
(Marco Trevisan)