Il menefreghista si nutre solo della superficie della vita, a differenza del sensibile, che nudo contro il vento affonda ogni grammo di sé in essa.
(Marco Treivsan)