I subalterni messi in posto di comando si rivelano distruttori, mentre i leader quando subalterni sono sempre costruttori e prima o poi emergono.
(Marco Trevisan)