La gentilezza non è subordinazione, ma l'approccio dell'uomo evoluto con l'altro, solo l'uomo ignorante fonda sulla gentilezza ricevuta un potere inesistente sull'altro senza contraccambiarla.
(Marco Trevisan)