Il saggio considera l'errore come l'inizio del miglioramento, il furbo come l'ennesima menzogna da raccontare.
(Marco Trevisan)