L'adulto fanciullo disprezza ciò che non può avere, tanto quanto disprezza ciò che di certo ha.
(Marco Trevisan)