Le persone che continuamente copiano le opere altrui hanno un pensiero sterile perché invalidato dell'immaginazione e dell'intuizione, a differenza delle persone che si ispirano alle opere altrui, il cui pensiero attraverso l'intuizione feconda il potere di creazione dell'uomo generando una nuova opera che contiene il seme dell'opera d'origine.
(Marco Trevisan)