Il silenzio è il compagno dell'osservazione e della contemplazione, per questo è infinitamente più saggio delle parole frivole che tentano costantemente di interromperlo.
(Marco Trevisan)